RAFF0 - La Musica come Rinascita dopo il Dolore - ARTISTI EMERGENTI
Album Blog Interviste Musica

RAFF0 – La Musica come Rinascita dopo il Dolore

“Non puoi chiedere ad un ombra di mostrare la sua faccia”

Raffaele Ginosa, in arte Raff0 nasce il 31 gennaio 2000 a Canosa di puglia, ma vive in un piccolo paese vicino chiamato Spinazzola, dove frequenta le varie scuole, ha frequentato l’istituto galileo galilei di gravina in puglia e si è diplomato nel 2019. Il rapporto con la musica nasce da un brutto evento, subito dopo la scomparsa della zia si isola con tutti, sia familiari che amici, ha davanti solo un foglio dove i pensieri e le idee che ha in mente possono trovare concretezza, allora si avvicina alla scrittura portando un modo di raccontare un po’ acerbo visto che si sentiva arrabbiato, tormentato scriveva sui fogli il proprio stato emotivo incolpando qualcosa o qualcuno per trovare un motivo, tramite il quale poter giustificare la rabbia.

PROFILO SPOTIFY

Avendo questo tormento, il genere musicale più adatto risultò essere l’hip-hop, genere che mette in faccia la realtà, la verità senza vergogna ne pudore, genere che anche da apprendere risulta essere più “semplice” e di conseguenza molto vero, frequenta jam, conosce gente e partecipa a diversi eventi live sotto il nome CORVO, anche sul nome c’è una storia, prendendo spunto dal film “IL CORVO” di Brandon Lee, si rivede nell’animale che fa tornare in vita il protagonista del film per eseguire la sua vendetta. L’hip-hop li regala anche qualche piccola soddisfazione come l’inclusione in divere crew formate da ragazzi provenienti da ogni parte d’Italia, ma il tormento smette di accompagnarlo quando la rabbia diventa speranza, quando vede una luce nel buio, quando capisce che ad un’ombra non si può chiedere di mostrare la sua faccia.

BRANO SU SPOTIFY

Lavora come meccanico presso l’officina del padre, ma si iscrive all’università scegliendo infermieristica, facoltà che continua a frequentare, cambia la sua vita cambiano le storie che decide di raccontare nelle sue canzoni, nel corso della sua adolescenza c’è da dire che oltre al genere che ascoltava maggiormente ovvero il rap, ha sempre ascoltato i grandi cantautori di ogni epoca andando da De André a Dalla, da Guccini a Rino Gaetano, subendo anche le influenze di artisti grandi come, Michael Jackson, Queen, Sprinsting, Prince, e tanti altri ancora.

Le diverse influenze fanno sì che si venga a formare una personalità artistica che lo porta a sperimentare sempre nuovi generi, a raccontare nuove storie, a conoscere nuova gente per scriverci canzoni, crede molto nelle persone e tramite i suoi testi vorrebbe che la gente provasse a parlare tra loro, e non stare tutta una vita a mostrare ciò che non siamo tramite un cellulare.

✍️ INTERVISTA

Cosa ti ha spinto a fare il cantante?

La verità è che io mi sono avvicinato prima alla scrittura e dopo alla musica, ma in generale seguo questa strada perché ho voglia di esprimere tramite la musica le mie parole, i miei pensieri ed ideali.

Cosa non dovrebbe mai fare un giovane artista?

Montarsi la testa, questo è controproducente perché sappiamo come va la musica oggi hai fatto una hit che ti va in radio, ma domani non è detto sia cosi quindi lavorare duro, impegnarsi e restare con i piedi per terra sono cose fondamentali secondo me nella carriera di un artista.

Come ti concentri prima di cantare?

Rivivendo ciò che ho scritto nella canzone, riassaporando le frasi che mi sbloccano delle immagini in mente, mi concentro cosi generalmente.

Come ti concentri per scrivere un brano?

Ogni brano ha una storia diversa, e quindi ricorro ai ricordi a dei dettagli se ho voglia di scrivere un testo che riguarda il mio passato, oppure ricorro a dei dettagli e particolari o gesti della persona di cui sto parlando nel brano, o ancora delle speranze che ho verso il futuro quando mi capita di scrivere un testo volto a incoraggiare la gente.

A chi ti sei ispirato?

Come ho detto prima mi hanno ispirato molti artisti, se penso a Dè André lui mi ha insegnato a mettere del contenuto nelle canzoni a parlare a cuore aperto senza paura di mostrarsi, in generale a raccontare una storia, se penso a Rino Gaetano lui mi ha insegnato ad essere pungente e a giocare con le parole anche ad ironizzare su temi sensibili, ma anche Michael Jackson ed i queen da loro ho appreso la grinta e i sound principalmente.

Come miglioreresti la scena musicale?

Punterei di più su testi profondi o in generale su testi che parlano di qualcosa, poi è chiaro io non sono nessuno per decidere cosa fare però penso ci siano dei testi o temi troppo superficiali, e siccome la musica è anche un mezzo di comunicazione per una propaganda o un ideale secondo me bisognerebbe far leva su questo anche per comunicare al pubblico temi sociali che sono sottotono.

Perché il pubblico dovrebbe ascoltarti?

So che ho dei brani che hanno dei testi importanti, so che con la scrittura riesco a comunicare qualcosa, quindi se vi va ascoltate i miei brani e poi decidete voi.

I tuoi hobby/interessi al di là della musica ?

Ho svariati interessi e sono curioso un po’ per tutto perché la curiosità ti fa conoscere, e conoscendo hai l’opportunità di imparare che ci sono tante persone e modi di vivere la vita, e poi nel mio caso di apprendere nuove storie da raccontare tramite le canzoni.

Quali sono i lati positivi nell’essere cantante?

A questa domanda non saprei rispondere in maniera precisa perché cantare non è il mio lavoro principale al momento e quindi non conosco le varie sfumature della professione, però ovviamente il fatto di poter parlare a tante persone ti dà un senso di gratitudine e orgoglio e ti mette davanti a delle responsabilità, oltre questo altri lati positivi potrebbero essere che fai un mestiere tramite il quale viaggi parecchio e conosci sempre nuove persone che ti danno nuovi stimoli per scrivere nuove canzoni, ma in genere il lato positivo per eccellenza secondo me è che la gente ascolta ciò che dici e non sente solo.

E quelli negativi?

Il fatto di non avere una vita “normale” non penso sia gradevole, il fatto di non poter uscire con gli amici per una serata tranquilla senza essere fermato per autografi e foto, però fa parte del mestiere che hai scelto e lo devi accettare.

Parlaci del tuo ultimo progetto

Il mio ultimo brano si chiama “il teatro dei pazzi”, il brano parla di una società che va a teatro, si siede e paga per vedere uno spettacolo che sa già che non le piacerà, sul palco ci sono i diversi della società: esclusi, sognatori, gente pronta a dare anche il cuore per una causa, ma che nella società vengono derisi perché hanno pensieri e idee diverse dall’omologazione delle persone che compongono la società, però alla fine chi sta sul palco ha i riflettori puntati e si espone, chi giudica paga il biglietto e critica nel buio che avvolge gli spettatori, quindi chi sono alla fine i pazzi?. Il brano in generale parla di questo.

Ci sono tanti ragazzi e ragazze che sognano di diventare cantanti. Che consigli daresti?

Ma io penso che essere veri, sinceri e reali con il tuo pubblico sia fondamentale, perché soprattutto all’inizio quando le canzoni le ascoltano solo i tuoi amici o conoscenti, distaccarti troppo dalla tua persona viene percepito e quindi risulteresti finto, quindi se posso dare un consiglio dico di essere quanto più veri possibili nelle canzoni, perché la sincerità trasuda sempre e vieni apprezzato per ciò che davvero sei.

Chi ti ha supportato o ostacolato nel tuo percorso?

Sicuramente i miei amici sono stati di supporto nel percorso anche se all’inizio non la prendevano sul serio come me, ma credo sia normale poi in un paese come i mio di circa 4/5000 abitanti dove si conoscono praticamente tutti, è facile che la voce giri, lo stesso paese non dico che mi ha ostacolato perché fin ora non mi ha ostacolato nessuno, ma sentire risatine o commenti sottovoce non è bello, perché la gente vede il mestiere del cantante o del calciatore o in generale lavorare nel mondo dello spettacolo come qualcosa di irraggiungibile mentre con la conoscenza lo studio e credendoci, non lo è di certo non è una strada facile ma non penso sia nemmeno impossibile.

Saluta i tuoi sostenitori

Ciao a tutti ragazzi buona musica

È UFFICIALMENTE UN CREATORE DI AE

RAFF0

Ascolta anche su

💬 RAFF0 MERITA SECONDO TE?

1 Commento

Attiva le notifiche OK No grazie